PcBrain

Banner
E-mail Stampa PDF

RECENSIONE: EIZO Foris FS2735 - Menu OSD

Indice
RECENSIONE: EIZO Foris FS2735
Caratteristiche Tecniche
Descrizione Prodotto
Test - 1/2
Test - 2/2
Calibrazione
Menu OSD
G-Ignition
Conclusioni

Una caratteristica che molte volte penalizza gli schermi è l' interfaccia OSD. Questa, che non è null' altro il menù dello schermo dove troviamo le varie voci per la sua personalizzazione, deve rispettare certi standard, ma non sempre questo avviene. Un OSD deve essere in primis ricco di opzioni, così da poter garantire una settaggio ad HOC del pannello in base all' uso che se ne andrà a fare. Allo stesso tempo, però, deve risultare anche facile, sia nella comprensione delle varie voci offerte ma anche nella sua navigazione. Ed è proprio qui il problema, ovvero far coesistere insieme tutte queste caratteristiche. Infatti, non è raro trovare menu semplicissimi da comprendere, ma con poche voci e difficoltosi da navigare, o viceversa. La navigazione all' interno del menu, inoltre, non è data solamente da come il produttore ha studiato l' interfaccia grafica, ma anche da come è stato pensato il sistema Hardware che permette lo spostamento al suo interno. Questo, infatti, può avvenire in vari modi, e può risultare più o meno comodo in base al sistema usato e alla sua disposizione sul monitor. Disposizione che per di più deve rispettare anche certi standard estetici, che solitamente prediligono una posizione quanto più nascosta possibile. Insomma, non certo semplice, che ci fa capire come questa non sia una caratteristica secondaria di un pannello, ma una vera e propria funzione di primaria importanza e non facile da interpretare.

L' Eizo Foris FS2735, come vi avevamo mostrato qualche pagina fa, utilizza un sistema composto da pochi tasti, e che sfrutta un joystick a quattro direzioni per potersi muovere nel menu. Attraverso la pressione del joystick, che svolge anche la funzione di bottone, si apre sullo schermo un piccolo Menu, che ci mostra la funzione dei tasti posizionati dal produttore sul suo schermo. Da sinistra verso destra troviamo quello per la selezione del segnale di Input, quello per la selezione al volo dei profili preconfigurati, il Joystick che apre il menu ed infine il tasto di spegimento.

 

Aprendo il menu con il tasto JoyStick ci imbattiamo in moltissimi SubMenu. Il primo, chiamato "colore", ci permette di selezionare uno dei profili preconfigurati, oppure di personalizzarli a piacimento. Qui possiamo selezionare diversi parametri, come Luminosità, Temperatura e contrasto, ma anche la curva Gamma ed entrare in un menu di impostazioni avanzate. Quest' ultimo vanta al suo interno voci per una regolazione di fino dell' immagine, come la modifica della tinta o della saturazione, ma anche la possibilità di modificare i parametri relativi ai neri e per l' attivazione di funzioni secondarie, come L' Overdrive o il Contrast Enhancer.

Tornando nel menu principale dell' OSD dello schermo troviamo il tab "Funzioni Smart", dove è possibile abilitare la Smart Resolution ed il Smart Insight, ovvero funzionalità per il miglioramento della risoluzione e della luminosità, quest' ultima senza che venga variata la curva di Gamma. Passando agli altri tab troviamo anche altre voci, tra cui spicca un menu dedicato alla connessione in uso, dove è possibile selezionarne alcuni valori, come per esempio il rapporto d' immagine.

Proseguendo nell' analisi ci imbattiamo nel menu "Suono", che permette di gestire il sonoro in uscita dallo schermo tramite connessione jack da 3,5mm, ed uno particolare chiamato Bluetooth. Il pannello, infatti, può essere associato ad un cellulare tramite connessione senza fili, e, con l' app dedicata G-Ignition può essere controllato senza dover aprire il Menu dallo schermo.

L' OSD offre la possibilità anche di accedere a funzioni tutto sommato standard, come quella per l' autorilevamento del segnale di Input e per il risparmio energetico.

Il Foris FS2735 consente anche l' esclusione via OSD delle connessioni video, così da evitare la riproduzioni di contenuti da sorgenti indesiderate. E' inoltre possibile abilitare o meno fino a sei differenti profili personali.

In ultimo troviamo una Tab "informazioni" che riassume le specifiche ed i setting attualmente in uso dallo schermo. Per concludere l' analisi dell' OSD non ci resta che mostrarvi anche il menu di scelta rapida dei profili preconfigurati da Eizo, accessibile attraverso la pressione del secondo tasto posto dietro al pannello. Come si evince dalla foto seguente avevamo abilitato solamente i profili personali USER1 e USER2, escludendo quelli dal 3 al 6. 



Informativa: Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più sui cookies e su come eliminarli, visualizza la nostra politica sulla Privacy.

Accetto i cookies da questo sito.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk