PcBrain

Banner
E-mail Stampa PDF

RECENSIONE: Intel KabyLake e MSI Z270 Gaming M5 - Conclusioni

Indice
RECENSIONE: Intel KabyLake e MSI Z270 Gaming M5
Intel Kabylake
PCH Intel Serie 200
Descrizione Mainboard - 1/2
Descrizione Mainboard - 2/2
Descrizione Bios
Piattaforma e Metodologia di Test
Test - CinebenchR15, Frybench
Test - Compressione, Estrazione
Test - VideoEncoding e Transcoding
Test - Gestione Memoria
Test - Gestione Sata3 e USB3
Test - 3DMark Firestrike e 3DMark 11
Test - Overclock
Conclusioni

Giunti al termine di questa recensione non ci tocca che valutare l' operato di entrambi i produttori. Intel, con la sua nuova politica di produzione, in un certo senso, è come se avesse deluso le aspettative. Infatti, abituati al "Tick-Tock", ci aspettavamo di più dal produttore di Santa Clara, e non un semplice aggiornamento. Ma siccome attualmente il PAO è la nuova politica di produzione del brand, e che probabilmente ce la porteremo avanti per diversi cicli, altro non possiamo fare che tenercela e analizzare ciò che è stato fatto. Dal punto di vista prestazionale sono davvero nulli gli incrementi a pari frequenza ottenuti dal processore se ipotiziamo un uso High end dello stesso, quindi presumibilmente in una configurazione con VGA dedicata. Ma in caso di assemblati o sistemi mobile che sfruttano la grafica integrata, i miglioramenti sono presenti, grazie ad una IGP con un miglior sistema di encoding capace di supportare anche risoluzioni 4K a 30 FPS. Discreti miglioramenti sono stati fatti anche dal punto di vista energetico, riuscendo a mantenere bassi i consumi anche a fronte di frequenze superiori rispetto a prima. Questo affinamento probabilmente è responsabile anche del maggior vantaggio che questi processori offrono rispetto ai predecessori, ossia l' Overclock. Con Kaby Lake, infatti, Intel è riuscita a garantire migliori doti di Overclock, visto che tutti i processori testati ci hanno facilmente permesso di raggiungere valori di clock in daily Use nell' ordine dei 5.0 GHz, clock quasi utopistico per la serie precedente di CPU. Altre novità eclatanti Intel non le ha introdotte, a parte il supporto alle memorie e SSD Optane, tecnologia però che ad oggi è ancora poco sfruttata. Insomma, diciamo che l' update non era quello che il Power User voleva, ma possiamo dire che Intel si è comunque salvata in corner garantendo migliori margini di Overclock, e quindi performance ugualmente superiori, ma soprattutto non obbligando i suoi clienti a dover aggiornare tutto per avere Kabylake, visto la decisione di usare lo stesso socket e garantendo quindi la compatibilità delle nuove CPU anche con le MainBoard serie 100.

Passando al lavoro di MSI, invece, eravamo curiosi di capire se il brand sarebbe stato in grado di mantenere gli standard che hanno caratterizzato la sua precedente serie di prodotti, e, a nostro avviso, non solo ci sono riusciti, ma in parte sono anche riusciti a migliorarsi. Il layout del prodotto è ben studiato, i componenti sono tutti ai punti giusti ma qualcosa da migliorare a nostro avviso c' è ancora. Per esempio non capiamo il motivo per cui non è stato utilizzato uno shield anche sull' ultimo Slot PCI Express, oppure il perchè non siano presenti tasti on board per l' avvio ed il reset del sistema, sicuramenti più utili rispetto ad un "EZ Debug Led" che va in poche parole a copiare le informazioni date dal classico Debug Monitor posto nella parte inferiore del PCB mostrandole all' utilizzatore solamente in modo un pò più chiaro. Parlando di prestazioni è vero che vanno sempre a pari passo con i componenti che vengono montati sulla MainBoard, ma è anche vero che bisogna saperla gestire tutta questa potenza, e durante i nostri test la Z270 Gaming M5 non ha dato nessun segnale di sofferenza. La scheda madre è riuscita in ogni circostanza a tirare fuori il massimo dai nostri componenti, soprattutto sul fronte Storage dove le features del brand aiutano e non poco. La dissipazione, inoltre, è molto ben curata, visto che MSI ha lavorato sia sullo smaltimento del calore delle zone solitamente critiche, come le circuiterie di alimentazione, ma anche di zone storicamente più "soft", ne è un esempio  lo M.2 Shield, destinato a dissipare il disco ad interfaccia M.2 evitandone così il throttling per surriscaldamento. Il Bundle del prodotto è nella norma, o meglio è allineato a quello che ormai i brand ci hanno abituato a vedere, visto che a nostro avviso qualche cablaggio Sata in più, o magari qualche adattatore o HUB USB potevano essere tranquillamenti inseriti. Il prezzo a cui si trova il prodotto nel web è di circa 200 Euro, valore tutto sommato contenuto se si considera il ruolo ricoperto da questa proposta nel catalogo MSI e sicuramente allineato a quello che la Z270 Gaming M5 è in grado di offrire.

In merito a quanto detto conferiamo a MSI un 8,6 in pagella, nonchè il nostro Silver Award. 

voto

voto coc   silver

Si ringrazia MSI per il sample fornito.



Informativa: Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più sui cookies e su come eliminarli, visualizza la nostra politica sulla Privacy.

Accetto i cookies da questo sito.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk