PcBrain

Banner
E-mail Stampa PDF

Recensione: Gigabyte Z270X Gaming 5 - Descrizione Mainboard - 1/2

Indice
Recensione: Gigabyte Z270X Gaming 5
Caratteristiche Tecniche
Descrizione Mainboard - 1/2
Descrizione Mainboard - 2/2
Descrizione Bios
Piattaforma e Metodologia di Test
Test - CinebenchR15, Frybench
Test - Compressione, Estrazione
Test - VideoEncoding e Transcoding
Test - Gestione Memoria
Test - Gestione Sata3 e USB3
Test - 3DMark Firestrike e 3DMark 11
Test - Overclock
Conclusioni

La GIGABYTE Z270X-Gaming 5 arriva a noi in una confezione cartonata con sfondo nero e con impresso in bella vista il logo di questa serie denominata "Aorus", sul bordo inferiore troviamo il nome del modello e i vari gagliardetti raffiguranti le maggiori features. Sulla parte posteriore della scatola, invece, è raffigurata la nostra mainboard con tutte le specifiche tecniche e un' accurata spiegazione delle principali funzionalità di questa serie, come ad esempio la tecnologia RGB fusion che ci permetterà tramite il BIOS o il software in dotazione di configurare liberamente lo schema cromatico dei Led presenti a bordo.

 01 thumb   02 thumb

Prima di passare all'analisi della mainboard diamo uno sguardo al bundle che comprende il minimo indispensabile per questa fascia, ovvero: quattro cavi sata, la mascherina posteriore, un connettore rapido per le connessioni del case, una prolunga per connettere un' eventuale striscia a led RGB, il cd contenente i driver, uno sticker del logo Aorus e la manualistica cartacea.

03 thumb

Una volta estratta dalla scatola, possiamo ammirare la mainboard nella sua interezza. La Z270X-Gaming 5 si presenta con un look accattivante, reso possibile grazie all'accostamento dei colori nero e bianco. Inoltre, anche da spenta, riusciamo già a capire dove saranno i vari punti luce. Quest'ultimi infatti sono presenti sullo shield della zona audio, in mezzo ai PCI-EX, intorno alle fasi di alimentazione e persino in mezzo agli slot delle ram. Inutile anticiparvi che l'impatto estetico sarà notevole.

Il Layout generale è buono, ogni componente è giustamente collocato e di facile utilizzo, come per esempio lo slot M.2 o la batteria, facilmente accessibili anche in caso di più VGA installate. Un altro punto a favore è dato dall'ottimo sistema di dissipazione, in quanto sia le fasi di alimentazione che il PCH beneficiano di cooler passivi di grandi dimensioni. Purtroppo la casa ha deciso di non inserire sul PCB i pulsanti di accensione e reset del sistema, e sinceramente non capiamo la scelta del produttore visto il ruolo che ricopre la mainboard sul mercato.

05 thumb   07 thumb

04 thumb

Andando ad analizzare la scheda nel dettaglio, troviamo una zona socket ben fatta, non pulitissima ma comunque con gli spazi giusti. Gigabyte, per gestire al meglio la richiesta energetica, si affida ad un sistema composto da 12 fasi digitali per la CPU e 2 dedicate alle ram, inoltre la mainboard per il corretto funzionamento richiede una alimentazione ausiliaria ad 8PIN. Subito sotto al socket della CPU troviamo il primo dei due connettori M.2 e l'ormai sempre presente IC "Turbo B-Clock", che darà all'utente finale la possibilità di andare oltre al solito limite del 5% del overclock del BCLK, spingendosi in un range compreso tra 90 e 500MHZ, ovviamente questo dipenderà molto anche dalla capacità in OC del processore montato.

08 thumb

09 thumb   10 thumb

11 thumb